CORONAVIRUS ABRUZZO: PRIMA FAMIGLIE E MICRO IMPRESE

CORONAVIRUS ABRUZZO: PRIMA FAMIGLIE E MICRO IMPRESE

CORONAVIRUS ABRUZZO: FAMIGLIE E MICRO IMPRESE PRIORITARIE Pescara, 10 apr. Una “graduatoria delle fragilità che sono al limite della sopravvivenza”. L’assessore al Bilancio, Guido Quintino Liris, anticipa alla redazione di “Sos Coronavirus”, l’orientamento del Governo regionale nell’utilizzare i 5 milioni di euro destinati alle famiglie abruzzesi, accantonati, con divere altre misure, nel complesso disegno di legge “Cura Abruzzo”. “Il provvedimento costituisce, insieme ai 5 milioni di euro destinati alle micro imprese, il metro di quanto prioritaria e degna di attenzione sia per la Giunta regionale quella fascia di popolazione che rischia l’isolamento sociale, a causa di questa emergenza”. Secondo l’Assessore il pacchetto “Cura Abruzzo” è nella sua interezza uno “strumento di sostegno in favore della comunità abruzzese tale da farne una delle comunità più tutelate”. La sfida è quella di “cominciare a ragionare su una ripartenza per la nostra regione, senza compromettere le misure anticontagio, ma, appunto,pianificando per tempo una strategia praticabile nel momento in cui avremo la fase discendente dei contagi, e dovremmo essere vicini a questo risultato”. Accennando alle polemiche seguite alla sua disponibilità a svolgere l’attività di medico part-time, Liris spiega che “se ne è parlato immeritatamente perché chi deve essere protagonista sono i medici, gli infermieri e tutti coloro che sono in prima linea nella lotta contro questa pandemia. Io quando posso sono empaticamente vicino a loro e lo sarà sempre, a maggior ragione ora”. L’intervista integrale all’assessore, Guido Quintino Liris, è pubblicata su fb, tw,instagram, youtube e sul portale regionale. CORONAVIRUS ABRUZZO: FAMIGLIE E MICRO IMPRESE PRIORITARIE

CORONAVIRUS: TELEMEDICINA PER DIABETE E AUTISMO
       (2020-04-10 12:44)(REGFLASH) Pescara, 10 apr. – Televisita, telesalute, telemonitoraggio, teleassistenza: sono le parole chiave che, in tempi di Coronavirus, andranno a garantire le prestazioni in telemedicina per i pazienti diabetici e per quelli con disturbi dello spettro autistico. “Le nuove indicazioni – spiega l’assessore alla salute Nicoletta Verì – sono contenute in due distinti documenti tecnici, che verranno recepiti in altrettante ordinanze del presidente Marco Marsilio. Era indispensabile disciplinare queste modalità terapeutiche, che assicurano la continuità assistenziale in tutta sicurezza e mantenendo il distanziamento sociale imposto dalla normativa per il contenimento dei contagi da Covid 19”. Per quanto riguarda il diabete, la sospensione delle attività ambulatoriali (fatte salve quelle a carattere di urgenza), ha determinato la necessità di accelerare l’introduzione di una procedura telematica per le consulenze ospedaliere e le visite ambulatoriali da remoto. Il sistema si applica sia a coloro che accedono per la prima visita alle strutture diabetologiche regionale, sia a coloro che hanno già una visita prenotata, ma che non possono accedere alle strutture stesse. Lo stesso vale per la terapia dei disturbi dello spettro autistico, con un’attività di tipo proattivo aperta anche ai familiari dei pazienti, che permette di riavviare i percorsi psicoeducativi interrotti a causa della pandemia. Gli interventi da remoto devono includere il monitoraggio delle condizioni di salute, il proseguimento delle attività avviate rimodulandole in modalità telematica, nonché il supporto ai caregiver per la strutturazione della giornata, indicando le attività opportune e le risorse a disposizione. Con la televisita, il medico specialista interagisce attivamente con il paziente attraverso un collegamento video. Dalla diagnosi può derivare anche la prescrizione di farmaci o terapie. Con il telemonitoraggio, invece, medico e paziente interagiscono sulla gestione dei dati clinici, della terapia e della formazione del paziente. Con la telesalute, infine, medico e paziente hanno entrambi un ruolo attivo, rispettivamente nella presa in carico e nell’autocura. In questo ambito è prevista anche la partecipazione dei caregiver familiari. Ogni ambulatorio dovrà essere dotato di strumenti informatici per l’erogazione del servizio (anche con l’utilizzo di dispositivi mobili), attraverso qualunque piattaforma possa essere utile allo scopo.

http://abruzzoom.altervista.org/?doing_wp_cron=1586531788.8181951045989990234375

https://www.instagram.com/