Dati sulle prestazioni emergenziali INPS Covid19 al 5 luglio 2020

Dati sulle prestazioni emergenziali INPS Covid19 al 5 luglio 2020

I dati aggiornati al 5 luglio 2020 sulle principali prestazioni emergenziali erogate dall’Inps Abruzzo, che continua a dare contezza pubblica del suo lavoro. prestazioni emergenziali INPS Covid19: da mercoledì 1° luglio 2020, le sedi INPS abruzzesi hanno esteso il servizio d’informazione anche alla modalità in presenza fisica dei cittadini presso i propri sportelli, esclusivamente su appuntamento, previa prenotazione.
Detti accessi sono garantiti attraverso l’adozione delle misure di sicurezza previste, relative:

  • al distanziamento interpersonale,
  • all’accesso contingentato per il rispetto del divieto di assembramento,
  • all’uso obbligatorio della mascherina,
  • alla rilevazione della temperatura corporea all’atto dell’accesso.

Si ricorda che gli appuntamenti possono essere prenotati tramite:

  1. Contact Center INPS numero telefonico 803164 da rete fissa e 06164164 da rete mobile;
  2. sito internet dell’Istituto (www.inps.it) – secondo il percorso: Home / Prestazioni e servizi / Tutti i servizi / Le Sedi INPS;
  3. App Inps Mobile, scaricabile su smartphone e disponibile per sistemi Android e iOS;
  4. richiesta della prenotazione direttamente presso la sede.

Il servizio di informazione per appuntamento, tramite prenotazione, consente, qualora l’utente non volesse recarsi presso la sede Inps, la possibilità che l’informazione si svolga:

  • tramite videochiamata nel giorno e nell’ora prenotata;
  • tramite contatto telefonico nel giorno e nell’ora prenotata.

Si segnala, con riferimento alle tabelle di domande di Cassa Integrazione salariale (tabelle n. 1, 2 e 3), che i dati evidenzino una ridotta e marginale quota residua di domande non lavorate e/o di modelli SR41 non definiti; si rappresenta che – per i casi di cui trattasi – dovute a cause, molto spesso esogene all’Istituto che si illustrano a margine di ciascuna tabella, l’Inps si è adoperato e si sta adoperando per risolvere, assieme alle aziende istanti e/o gli altri attori istituzionali, le problematiche e la definizione delle prestazioni.


Domande di Cassa Integrazione in deroga (CIGD).
Si precisa che il dato relativo alle domande pervenute e non lavorate deriva in buona parte dalla presenza di domande di aziende che: 1) godono della copertura di fondi bilaterali di categoria e sono state erroneamente trattate come domande di cassa in deroga; ovvero 2) sono riferite a posizioni aziendali errate o cessate ovvero 3) trattasi di domande comportanti periodi superiori alle 9 settimane previste dalle norme. Per queste domande la Regione Abruzzo, a seguito di apposita segnalazione dell’Istituto, si sta già attivando con le aziende per riformulare o correggere le domande di Cassa in Deroga.

CIGD – dati al 5 luglio 2020
PROVINCIADOMANDE CIGD pervenuteNumero lavoratori interessatiDOMANDE CIGD lavorateNumero lavoratori interessatiFLUSSI SR41Pagamenti contenuti negli SR41
 PervenutiDefiniti PervenutiDefiniti
CHIETI3.7019.2933.5899.0124.1763.85214.78914.073
L’AQUILA1.0782.7321.0742.7222.0982.0984.6374.623
SULMONA6701.5256441.4661.3491.0424.0463.124
AVEZZANO1.1602.5631.1602.5632.2622.2625.5745.527
L’AQUILA prov2.9086.8202.8786.7515.7095.40214.25713.274
PESCARA3.7249.3893.5749.0115.3925.08213.48012.956
TERAMO3.3697.8013.3567.7716.3526.33911.53310.849
REGIONE (*)13.70233.30313.39732.54421.62920.67554.05951.152
         
Indici INPS di efficienza(*)97,8 (**)95,6  
         
(*) Domande autorizzate/Domande pervenute
 
      

(**) mod. sr41 definiti/mod. sr41 pervenuti


Domande CIGO/FIS.
Si precisa che il dato relativo alle domande pervenute e non lavorate (in quanto non lavorabili) deriva per buona parte da posizioni aziendali non corrette, già segnalate ai datori di lavoro e/o ai loro consulenti del lavoro (si tratta soprattutto aziende che operano in settori economici che non sono tenuti alla contribuzione per la cassa integrazione o per il Fondo di integrazione salariale; ovvero di errori nella indicazione della matricola aziendale con conseguente impossibilità di gestione informatica della domanda; ovvero ad errate comunicazioni da parte delle aziende degli orari contrattuali; ovvero a domande relative a periodi superiori alle prime 9 settimane. Per tutte queste tipologie di anomalie sono stati richiesti i necessari chiarimenti alle aziende/consulenti e si attendono i relativi riscontri per la definizione delle istanze).

FIS – dati al 5 luglio 2020  
PROVINCIADOMANDE FIS PervenuteNumero lavoratori interessatiDOMANDE FIS lavorateNumero lavoratori interessati (a)di cui colonna (a) lavoratori  con pagamento direttodi cui colonna (a) lavoratori con pagamento a conguaglioFLUSSI SR41Pagamenti contenuti negli SR41
 PervenutiDefiniti PervenutiDefiniti
CHIETI1.66720.8381.57319.66312.9776.6852.6832.48311.07710.624
L’AQUILA5477.8144005.7144.2861.4298238234.4414.436
SULMONA1642.733961.6001.4721281901722.8532.395
AVEZZANO2824.0291832.6141.9616543563563.5333.529
L’AQUILA prov99314.5766799.9297.7182.2101.3691.35110.82710.360
PESCARA1.53522.9101.17417.52212.7914.7314.7624.36511.90510.933
TERAMO1.10412.1328319.1327.6711.4612.1172.1128.1067.893
REGIONE5.29970.4564.25756.24541.15815.08810.93110.31141.91539.810
           
Indici INPS di efficienza(*)80,3   (**)94,3  
           
(*) Domande autorizzate/Domande Pervenute        
(**) mod SR41 definiti/mod SR41 pervenuti        
          
                    

Relativamente ai pagamenti della CIGD, CIGO e FIS  (°°) si precisa che il dato relativo ai modelli SR41 pervenuti e non ancora definiti deriva per la maggior parte da posizioni individuali di lavoratori per i quali sono state rilevate alcune criticità; più specificatamente, si tratta di casi diversi, per esempio: i casi di codici fiscali di lavoratori bloccati dal sistema informatico in quanto lo stesso rileva incoerenza tra l’iban e i dati anagrafici del lavoratore interessato;  oppure per mancata indicazione del codice fiscale o dell’iban di alcuni dei lavoratori inseriti nel flusso dei pagamenti; ovvero per errato abbinamento (errore di codice) tra il flusso dei pagamenti trasmesso e l’autorizzazione concessa ad usufruire della cassa integrazione; ovvero pagamenti richiesti per un numero di ore superiori a quelle autorizzate. Per tali casi e per altri di minore frequenza, l’Istituto ha già segnalato ai datori di lavoro e/o loro consulenti tali situazioni bloccanti per le quali si è in attesa dei necessari riscontri che consentiranno man mano la definizione dei pagamenti.

NASPI dati al 5 Luglio 2020  
PROVINCIADOMANDE pervenuteDOMANDE evase
 (definite, in pagamento o respinte)
  
CHIETI6.4535.630  
L’AQUILA1.7721.718  
SULMONA1.5121.346  
AVEZZANO2.4002.221  
L’AQUILA prov5.6845.285  
PESCARA5.6214.653  
TERAMO6.8805.808  
REGIONE24.63821.37686,76%
Bonus Baby Sitter / Bonus centri estivi
al 5 luglio 2020 (*)
  
Sedipervenutein istruttoriadefinite  
Chieti4.213172 4.041  
L’aquila3.132183 2.949  
Pescara

http://abruzzoom.altervista.org