Earth Day, i parchi: economia a misura d’uomo

Earth Day: i parchi per un’economia più a misura d’uomo
Earth Day: i parchi per un’economia a misura d’uomo; per la cinquantesima edizione della giornata della Terra  c’è l’occasione per ricordare come la natura e la sostenibilità possano e debbano essere i protagonisti della ripresa a seguito della pandemia che ha colpito tutto il mondo, e l’Italia in modo particolare.  Il sistema dei parchi: economia a misura d’uomo da sempre  ci indica la strada  per uno sviluppo  compatibile con l’ambiente e rispettoso della biodiversità. Quella biodiversità a cui va prestata la massima attenzione a livello globale, anche per quando riguarda il commercio e gli  spostamenti volontari o involontari delle specie selvatiche, spesso aliene per  molti territori. Un aspetto di  cui oggi si inizia a parlare sempre di più in relazione al  dilagare di agenti patogeni generati da “salti di specie” come il Coronavirus. Nulla sarà più come prima. A maggior ragione la strada da percorrere impone delle scelte che, a nostro parere, si devono muovere sul solco già tracciato dalle strategie europee di un “Green Deal” e, nel nostro Paese, devono vedere un impegno concreto di governo e Parlamento  affinchè il tema della sostenibilità sia perno della ripartenza economica.  Debbo quindi rimarcare quanto già chiesto in questi giorni. L’allargamento delle Zone Economiche Ambientali, dai soli parchi nazionali a tutte le aree protette,  sarebbe una spinta per contribuire a rimettere in moto le filiere più colpite, come quella del turismo che deve guardare sempre più a un modello improntato alla eco-compatibilità.  Perché occorre una visione del futuro che punti ad una economia più a misura d’uomo, come sostiene il Manifesto d’Assisi  a cui Federparchi ha aderito con convinzione.”Lo afferma il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri in occasione del 50° Earth Day 
http://abruzzoom.altervista.org
 www.federparchi.it