HUBRUZZO, FORTE E DIGITALE

Pescara, 9 marzo 2020. A maggio sarà presentata, a Pescara, BluHub Enterprise Engine : fondata da e-Novia (https://e-novia.it/ces2020/), dalla “Fabbrica di Imprese”, da Hubruzzo Fondazione e da alcuni imprenditori abruzzesi con l’obiettivo di trasformare idee e proprietà intellettuale in imprese.  La società si ispira al peculiare modello di Fabbrica di e-Novia che, attraverso partnership mirate con le università italiane, sviluppa idee e progetti di ricerca che hanno il potenziale per dar vita a prototipi e prodotti tangibili e che successivamente possano diventare imprese che sappiano stare sul mercato.

In Abruzzo convivono una ricerca tecnico-scientifica alimentata dai quattro atenei Università di Chieti e Pescara, Università dell’Aquila, Università degli Studi di Teramo e Gran Sasso Science Institute, con un ricco tessuto imprenditoriale, creando un ecosistema favorevole all’imprenditorialità innovativa. In questo scenario BluHub è la piattaforma propulsore di nuove iniziative d’impresa, in grado di fornire ingegneria e competenze strategiche multidisciplinari per accompagnare ricercatori, aziende e imprenditori nella costruzione di prodotti e servizi. 

Oltre a essere “manufacturer” di nuova tecnologia, BluHub sosterrà la nascita di una nuova generazione imprenditoriale e sarà stimolo per i giovani talenti che, dopo aver seguito lo sviluppo del singolo progetto, potranno realizzarsi come imprenditori. 

Tra i promotori dell’iniziativa, Sergio Galbiati, fondatore di L Foundry e di Starting Up e Presidente di Fondazione Hubruzzo Industria Responsabile, ha compreso fin da subito le potenzialità del progetto: “BluHub sarà attiva nello sviluppo di realtà produttive innovative in settori economici e industriali strategici non solo per il territorio ma per l’economia dell’intero paese – ha affermato – l’obiettivo è quello di sviluppare il potenziale dell’ecosistema abruzzese per generare e trasferire innovazione in nuovi progetti imprenditoriali, costruire una cultura di impresa, valorizzare il capitale umano e dare ulteriori prospettive alle eccellenze tecnico scientifiche della regione”. 

“Per questo motivo – ha proseguito Galbiati – abbiamo individuato in e-Novia il miglior interlocutore e partner nell’ambito della crescita innovativa e imprenditoriale”. 

Con il compito di far decollare l’iniziativa, Ivo Boniolo, co-fondatore di e-Novia, assume la carica di CEO di BluHub e spiega la sostanza del progetto e i piani per il futuro: “Con e-Novia abbiamo messo a punto un modello in grado di costruire e sviluppare idee di prodotto promettenti e innovative, per poi portarle verso l’industrializzazione e sostenerle nell’ingegneria e finanza, dando vita a imprese che operano con credibilità sui mercati internazionali. Forti di questa esperienza, siamo convinti che il processo della Fabbrica – dalla fase di sviluppo della proprietà intellettuale fino alla fondazione dell’impresa innovativa, passando per la creazione del prototipo – possa svilupparsi anche in Abruzzo, per dar vita a iniziative in grado di valorizzare le competenze del territorio”. 

L’approccio – ha aggiunto Boniolo – si basa su un metodo strutturato ed ingegnerizzato. Il nostro piano a cinque anni prevede la creazione di alcune iniziative imprenditoriali frutto dell’unione dei progetti sviluppati dal network di università e istituti scientifici locali e delle competenze della miglior imprenditorialità locale. Inoltre, secondo il modello di e-Novia, nuovi attori potranno entrare nell’iniziativa apportando conoscenza su settori verticali e capitali per la crescita.” 

Tra i soci imprenditori della nuova “Fabbrica di Imprese”: Gennaro Zecca, amministratore unico di Odoardo Zecca S.r.l. (Zecca Energia); Giuseppe Natale: co-fondatore e AD Valagro, Enrico Marramiero, amministratore unico di Cantine Marramiero (vini); Antonio di Cosimo, fondatore di Gruppo di Cosimo; Armando di Florio, amministratore unico di Adriamed e Roberto di Vincenzo, presidente di Carsa.