La resurrezione dell’Europa nazione

resurrezione dell'Europa nazione
europa

Milano, 27 marzo 2020. Mai come in questa pandemìa avremmo avuto tanto bisogno di una resurrezione dell’Europa nazione soggetto sovranazionale in grado di ergersi al disopra delle convenienze dei singoli Stati per imporre il bene comune. L’Unione Europea (UE) ha invece dimostrato, per l’ennesima volta, di essere un’inutile e costosa sovrastruttura finanziaria. In questo libro, resurrezione dell’Europa nazione, con una diversa chiave di lettura, le principali tappe che hanno segnato il cammino dell’Europa e dell’Occidente:
     Nella prima parte del nuovo libro “Europa risorgi” la caduta dell’Impero Romano e la fine della civiltà occidentale, il Medio Evo e l’affermazione dell’ideologia cristiana, Illuminismo e Rivoluzione Francese, l’avvento del Fascismo e la fine delle esperienze nazionali e sociali degli anni trenta soffocate dal sangue del secondo conflitto mondiale. Infine sono analizzati presupposti ideologici e culturali che hanno portato all’attuale sistema.
     Nella seconda parte del testo sono poste le basi per avviare un serio e costruttivo dibattito finalizzato al superamento della vecchia concezione di democrazia imperniata sulla vetusta ideologia Liberal-Capitalista, per giungere a un nuovo modello di sviluppo economico e di assetto istituzionale basati sul binomio Democrazia Diretta – Stato Sociale.
     Roma con la sua civiltà ha insegnato al mondo a camminare. L’Italia degli anni trenta ha dimostrato che può esistere uno Stato Sociale. Superiamo gli eventi e riprendiamo il cammino verso l’Europa, quella vera.

170 pagine €8=
Distribuito da AMAZON, anche nella versione E-Book (€2,99) oppure chiedere copia direttamente all’autore ruggierogianfredo@libero.it

Volume 6 della collana LA FORZA DELLE IDEE – EUROPA RISORGI.

https://www.excaliburmilano.it/

http://abruzzoom.altervista.org

Circolo excalibur

Siamo uomini e donne insofferenti dell’immobilismo in cui giace il nostro Paese, avvolto in una coltre di indifferenza e apatia che scoraggia le menti più lucide e i cuori più generosi.

Siamo uomini e donne infuriati per come la natura, cui dobbiamo vita ed esistenza, è usata, sfruttata e vilipesa per il profitto di pochi a discapito di tutti.

Siamo uomini e donne che alzano la testa, orgogliosi e testardi, per rivendicare la nostra identità, la nostra cultura e le nostre radici minacciate dal conformismo dilagante e dal falso moralismo di chi vuole imporre anche a noi, in nome della globalizzazione economica, la società multietnica e l’omologazione culturale.